La Storia del Corou de Berra 

Le Corou de Berra naît en 1986. La direction artistique et musicale est assurée par Michel Bianco. Au début, c'est un grand choeur populaire mixte d'une vingtaine de personnes revisitant les chants traditionnels des Alpes du sud. Beaucoup de convivialité, de spontanéité.
Au fil du temps, le Corou mute, pour devenir un quartet.  Un ensemble musicalement exigeant, au service d'une démarche artistique très pointue.

Fedele al suo obiettivo artistico iniziale aperto a tutte le influenze musicali, il Corou si trova sempre dove non ci si aspetta: la musica del film Dogora (Patrice Leconte, Etienne Perruchon), con un'orchestra sinfonica e una grande corale, i primi passi nella polivocalità/percussioni con lo straordinario batterista jazz André Ceccarelli o il percussionista Carlo Rizzo, con il chitarrista rock Sebastien Chouard, con il "pazzesco" compositore Gilberto Richiero, con Francis Cabrel, Gian Maria Testa, Michel Montanaro, Michel Lonsdale... Dal 1986, le Corou de Berra è un innovatore 
In 27 anni di esistenza, il Corou de Berra ha saputo crearsi un proprio stile, ha realizzato delle scoperte musicali che fanno del Corou l'erede di musicologi quali Kodaly o Ligeti. Questi ultimi hanno portato avanti parallelamente alla loro carriera di musicisti e compositori delle ricerche di etnomusicologia in Ungheria, riscoprendo degli stili musicali dimenticati, arricchendo le loro composizioni di queste scoperte. Questo obiettivo è diventato anche quello del Corou de Berra...  Léa RASO, 2013